Natura morta con paradigma

Natura morta con paradigma.
Manichino di legno, cornice.
Installazione, 2019

Le citazioni sono da
“Beckett e Bacon – il bene, il bello.”
di Nadia Fusini (Garzanti)

“Incessante è il mormorio, il suono della vita: confuso, interrotto, ripetitivo, non cessa. La parola quotidiana, continuamente ripetuta, sporge sul vuoto, che la inghiotte e la vomita, sempre uguale, sempre la stessa. Infinita in questo senso: non ha scopo, né fine. Se serve, è solo a mantenere la comunicazione, che in sé non comunica nulla, se non l’esistenza della lingua, che è equivoco, non verità.”

“La coscienza di sé e dell’altro è basata su fattori ritmico-temporali, che è la psiche, l’anima, a scandire; e vira costantemente perciò verso una virtualità onirica. E’ vero: tutto ciò che si perenta a noi, le cose, gli esseri che ci circondano, hanno una forma, un corpo, una faccia. Ma non è qui il mistero della presenza, il suo carattere di enigma: il quale deriva piuttosto dal fatto che la presenza è un’emozione, un sentimento che si comunica silenzioso, e nel caso di un quadro dagli occhi trapassa nella mente e nel cuore.”

“Sempre la figura va incontro al proprio confine, e lo sfonda. Ciò che dovrebbe contenerla, la minaccia. E’ qualcosa che scappa dalla Forma. Un volontà di figurare.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.