2 parole di cui diffidare

2 parole di cui diffidare.
Sigarette, chiodi, legno.
Serie: azioni impossibili.
Installazione, 2019.

 

 

Improvvisazione – 1
Prima di usare questa parola, chiedere ad un musicista jazz quanto esercizio sia necessario per improvvisare. Evitare le semplificazioni: che la divina provvidenza oppure una natura giusta abbia nascosto in ciascuno di noi quell’interruttore che, fatto scattare, consente di produrre arte. Considerare che pochi riescono a lavorare così a fondo sulle strutture apprese e inconsapevoli (genetiche, antropologiche, individuali, familiari, sociali, storiche) a tal punto da usarle e non esserne usati.

 

 

Improvvisazione – 2
Paul Watzlawick: “Essere spontanei ubbidendo a un ordine [altrui o proprio] è tanto impossibile quanto dimenticare intenzionalmente qualcosa o scegliere di dormire più profondamente”. Non confondere l’imprevedibilità dei risultati con le intenzioni recondite. Improvvisare non è riavvolgere un nastro fino ad una condizione iniziale intatta, bensì farsi carico della grandine dell’esperienza, cosa lasciare, cosa tenere, cosa farne.

 

 

Ispirazione – 1
Parola digeribile solo nella sua accezione fisiologica, aggiungendo una n: inspirazione, fase della respirazione in cui si introduce aria nell’apparato respiratorio, durante la quale la gabbia toracica aumenta tutti i suoi diametri per espansione delle costole e abbassamento della cupola diaframmatica.

 

 

Ispirazione – 2
Diversamente, senza la n l’ispirazione resta il chiodo (a cui è appesa l’opera) affisso ad un concetto che puzza di opportunismo: è stata l’ispirazione, il caso, il destino, la sensibilità individuale ovvero tutte quelle insincerità che ammantano i meccanismi profondi e sconosciuti che presiedono l’atto creativo. Metaforicamente: puoi essere ispirato quanto vuoi, ma se impatti con qualcuno dotato di poca ispirazione e molta tecnica, all’ospedale ci finisci tu e non lui.

 

——-

 


– Paz Rojo in Nine proposal
Breaking the image, 20 novembre 2012.

 

——-

 

Consigli di lettura:

M.Palma, L’arte che non dorme, Derive&Approdi
AAVV, La cultura visuale del XXI secolo, Meltemi
T.Macrì, Pensiero discordante, Postmediabooks

 

——-

 

Bonus track – Traccia nascosta
Serratura
Legno, chiodi, chiave,
poliuretano in espansione libera
a 5 gradi centigradi.
Installazione, 2019.

 

 

 

 

——-

 


– Linda Blomqvist,
I fear a lot of things
but I don’t fear fear.
The paradox of horror.

 

——-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.