Roccioletti cover

Frammenti di un tempo estraneo.

Frammenti di un tempo estraneo.
Corpo, gravità, desiderio.
Tentativi di abbandonare la superficie terrestre.
60 minuti di salti.
Selezione di immagini da video.
Performance, 2021.

Fragments of a foreign time.
Body, gravity, desire.
Attempts to leave the Earth’s surface.
60 minutes of jumps.
Selection of images from video.
Performance, 2021.

 

Testi da

Ermini, Gasparotti, Nancy, Sala Grau, Zanardi.
“Sulla danza”, a cura di Maurizio Zanardi.
Nota di Maurizio Cuomo, 2017.

 

Roccioletti

 

Roccioletti

 

“Invece che continuare a farci vivere contro la morte, legandoci con ciò infinitamente all’Altro, quindi alle relazione etiche, alle relazioni sociali, alle relazioni economiche e a quelle politiche, il gesto della danza, condizione necessaria del teatro, scioglie, separa. E, in tale separazione dal simbolico, paradossalmente accomuna coloro che scelgono di danzare la loro separazione, il loro vuoto.”

 

Roccioletti

 

Roccioletti

 

“La crudeltà della danza e del teatro è questo separarsi dalla vita simbolica, è questo ritrovare il proprio vuoto, la propria lacerazione iniziale.“

 

Roccioletti

 

Roccioletti

 

“Soltanto un corpo separato può toccare, scrive ad un certo punto Jean-Luc Nancy. Tuttavia, potremmo dire anche: soltanto un corpo separato può danzare.”

 

———-

 

“Quel corpo mi propone un pensiero estremo: così come noi chiediamo alla nostra anima molte cose per le quali essa non è fatta e come quindi esigiamo che ci illumini, che profetizzi, che indovini l’avvenire addirittura scongiurandola di scoprire il dio, così il corpo che è laggiù vuol pervenire all’intero possesso di sé e a un punto di gloria soprannaturale… Ma avviene di lui come dell’anima per la quale il dio e la saggezza e la profondità che le sono richiesti non sono e non possono essere se non attimi, lampi, frammenti di un tempo straniero, slanci disperati fuori dalla sua forma. […] Un corpo, con la sua semplice forza e con un suo atto, è abbastanza potente per alterare la natura delle cose, più profondo di quanto sia mai toccato allo spirito nelle sue speculazioni e nei suoi sogni.”

Paul Valery
in “L’anima e la danza”, 1923.

 

———-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.