Incontri ravvicinati del terzo tipo + 2013 reloaded

Breve vademecum per incontri ravvicinati del terzo tipo

Se un artista ti sta spiegando una sua opera, ricorda che:
l’artista non è lucido. Non sa tutto della sua opera; parte di essa resta sconosciuta anche a lui, così come nella comunicazione ci sono sia il lato intenzionale che quello inconscio.
l’artista non è al centro. Quello che ti dice della sua opera vale quanto la tua interpretazione, sia a livello intellettuale che sensoriale ed emotivo.
l’artista non è oggettivo. Mette in luce alcune qualità dell’opera, soprattutto quelle che gli fanno gioco nello spingere avanti una certa immagine di se stesso, ma – e può anche essere che lo faccia senza rendersene conto – insisterà sempre su alcuni aspetti piuttosto che su altri.
l’artista non è necessariamente un comunicatore o un pubblicista. Se prova a farlo, tiene il piede in due staffe e pochi sanno cavalcare così senza cadere rovinosamente.

 


– A.Vettese in “Desiderio” (Ed.Mulino)

 

2013 RELOADED
File da un cloud google di cui mi ero dimenticato.

 

Aprile 2013 @ Sartoria Creativa
Installazioni [di cui non ricordo il titolo]

 

Aprile 2013 @ Greenbox
Collettiva in occasione del MOMA Tribute arte+games.
C’era anche RECURSIVE, l’installazione interattiva
[Nel video @ Villa Camperio, Monza]

 

Maggio 2013 @ Florence Fantastic Festival
Michele Di Erre ed io, dopo aver partecipato al FFF, sperimentiamo sovraproiezioni con telecamera e proiettore: dalla finestra dell’albergo sulle facciate dei palazzi circostanti e in treno.

 

Maggio 2013, Decostruzioni

 

Luglio 2013, CCC
Classic Creative Commons
Prima che inventassero i meme.

 

Agosto 2013, The Heap @ Sartoria Creativa
Installazione interattiva, attivabile a distanza tramite cellulare, con schermo interno, esterno, webcam, streaming.

 

Settembre 2013, con Dario X.
Oggi, a sei anni di distanza, gli ho chiesto un titolo per la performance di allora. Me ne suggerisce alcuni: “Qualcuno gli specchi li usa meglio”, “Look at you Big Brother”, “See ya laser”, “Mimo autoescludente”, “Mò ne stendo 2 che ne stendono 4”, “Ho un piano”.

 

Ottobre 2013,
Installazioni astratte in luogo naturale.

 

——-

 

Bonus track
“Così casuale che è voluto”, 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.